MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO "G. LEOPARDI" GROTTAMMARE

63013 Grottammare (AP)

 

SCHEDA PROGETTO A. S. 2012/13

 

 

 

Titolo/Denominazione del progetto

 

< 100 anni  di  Speranza >

 

 

Laboratorio per la ricerca storico didattica

 

(revisione  del progetto iniziale per renderlo realizzabile  nel breve tempo a disposizione)

 

 

Destinatari: scuola Primaria - IC Leopardi Grottammare   Plessi      Ischia -Ascolani

 

Classi:

 

Ischia:classi 3^,4^,5^

Ascolani : classi 3^, 4^,5^

 

 

 

Obiettivi misurabili che si intendono perseguire 

 

Motivazione

Il progetto di quest’anno fa seguito all’attività svolta lo scorso anno scolastico sulla storia delle

scuole a Grottammare nel ‘900.

In concomitanza con i 100 anni di attività didattica all’interno dell’edificio Giuseppe Speranza,

rilevati attraverso la lettura della copertina di un registro trovato in archivio, è stato ritenuto

interessante porre l’attenzione sulla storia di questo edificio, sulle motivazioni che hanno determinato

la sua costruzione e sul primo anno di attività didattica.

 

Il materiale su cui lavorare è molto e va selezionato ed utilizzato in funzione di molte variabili: 

- obiettivi didattico-educativi che l’insegnamento della geostoria nella scuola primaria prevede

e di cui abbiamo già trattato gli scorsi anni;

- tempi disponibili;

- leggibilità dei documenti da parte dei bambini;

-elaborati finali: elaborato da inviare al concorso provinciale “Conoscere il ‘900”.

Utilizzare la  storia locale, e quindi materiali e strumenti alla portata del bambino  per  acquisire

le conoscenze e le abilità che sono alla base della comprensione  del senso della  storia, della

sua ‘costruzione’, è l’obiettivo per cui il laboratorio è nato. 

Quest’anno tra le varie attività, approfondiremo, nei limiti di tempo a disposizione, il discorso

sulla lettura delle fonti d’archivio e sulle fonti visive.

Il progetto potrà avere valenza pluriennale poiché il lavoro si presenta molto articolato

Di seguito si delineerà la modalità di sviluppo per quest’anno scolastico.

 

Obiettivi

Utilizzo degli operatori spaziali e temporali

Saper osservare, analizzare, organizzare e descrivere

Essere in grado di discriminare gli elementi che connotano i luoghi ed il tempo

Avvio alla lettura di fonti archivistiche

Avvio alla produzione e all’utilizzo di semplici  mappe e sussidi di vario genere per ricavare

informazioni

Acquisire le conoscenze e le abilità di base per condurre una ricerca storico didattica

Conoscere fatti storici che hanno caratterizzato il ‘900

Lavoro da utilizzare all’interno della rete Le Marche fanno storie per confrontarsi con i

colleghi delle altre  scuole  della regione come momento di formazione

 

Obiettivi specifici

Saper leggere fonti di diverso tipo ed in particolare quelle d’archivio, per rilevare dati

informazioni ed inferenze

Saper compiere operazioni cognitive:

-          Saper tematizzare

-          Conoscere ed utilizzare gli operatori temporali e spaziali

-          Saper temporalizzare

-          Saper rilevare informazioni utili per il tema in base ad indicatori dati

-          Saper classificare le informazioni

-          Saper confrontare e organizzare le informazioni

-          Saper leggere ed usare piante,mappe, carte geografiche

-          Saper leggere e costruire mappe concettuali, schemi, grafici

-          Riconoscere le varie temporalità

-          Saper collocare i fatti ed eventi nel tempo 

-          Saper collocare nel grafico spazio temporale e nel giusto contesto fatti, eventi,

persone e personaggi

-          Leggere e costruire grafici spazio temporali tematizzati

-          Avvio alla  ricomposizione dei quadri di vita scolastica che si sono succeduti nel tempo

-          Saper rilevare mutamenti e permanenze

-          Saper costruire semplici testi storici in base alle informazioni rilevate

-          Saper riferire le conoscenze acquisite sia per scritto che a voce utilizzando gli

elaborati  prodotti

-          Saper generalizzare

Avvio all’individuazione e all’apprezzamento dei patrimoni ambientali, storici, artistico-culturali

capendo l’importanza della loro salvaguardia e  riconoscendoli   patrimoni della storia locale

anche come parte della storia dell’umanità

Comprendere la funzione  delle Istituzioni locali e la loro organizzazione

 

 Il progetto si riconosce negli aspetti  contemplati nel contratto integrativo d’Istituto in quanto  :

-          è laboratoriale, implica attività  di interesse pratico-didattico;

-          è integrato nel territorio: tratta di storia locale, è sviluppato in collaborazione con

l’Amministrazione Comunale e coinvolgerà persone dell’extrascuola legate alla realtà trattata

dalla ricerca

-          prevede una didattica legata alla metodologia della ricerca storico didattica .

-          è funzionale alla logistica ed è di supporto ad altre attività (educazione al Patrimonio,

attività geografiche, attività linguistico espressive e logico matematiche);

-          offre un servizio al territorio implicando una raccolta , messa in rete, di fonti e di

informazioni legate alla storia locale .

Il lavoro potrà costituire  motivo di presenza nella rete ‘Le Marche fanno storie’ e sarà

oggetto di discussione all’interno della rete stessa  

 

 

 

Contenuti e metodologie utilizzate per il raggiungimento degli obiettivi 

   

Il progetto  implicherà delle attività trasversali tra tutti gli ambiti disciplinari. 

Prevede  aspetti di lavoro diversi, sempre coerenti con il tema proposto,  con la fascia d’età

degli alunni e con gli obiettivi che si intendono perseguire .

Si svilupperà ponendo l’attenzione sugli organizzatori delle conoscenze che fanno parte delle

operazioni funzionali alla ricerca storico didattica:

-Il tempo Fine '800 - Primi 14 anni del 1900 

 -La tematizzazione: il tema sarà legato ad alcune indicazioni recepite dalla circolare

dell’Istituto di Storia provinciale inviataci per l’anno scolastico 2012-2013 che proponeva

il rinnovato concorso “Conoscere il ‘900”

 -Gli operatori temporali: il tempo ciclico, il tempo lineare, le parole della datazione,

i periodi (millennio, secolo decennio, anno, mese, settimana, giorno), la successione, la

contemporaneità, la durata, le permanenze, le trasformazioni…

-Gli elementi spaziali: Luogo, funzioni, orientamento, rappresentazioni,trasformazioni

-La lettura delle fonti

-I fatti

-L’organizzazione dei  fatti

-La generalizzazione

La metodologia utilizzata sarà quella della ricerca storico didattica, legata ad attività

laboratoriali – esperenziali.

Alcune insegnanti dovranno ricercare i documenti utili , selezionarli scegliendo quelli che

sono alla portata dei bambini o renderli alla portata dei bambini, fotografarli e preparare

le schede per rilevare le informazioni per tutte le classi partecipanti. Questa fase preparatoria 

sarà   svolta dall’insegnante Sciarroni, coordinatrice del progetto, coadiuvata dall’ins. Marcuzzi

per la parte tecnica digitale e dall’insegnante Reparata Tassella per la ricerca di archivio .

Si partirà dalla riflessione sul lavoro condotto lo scorso anno scolastico “ La scuola primaria a

Grottammare nel ’900”,  dalle preconoscenze e da fatti che possono suscitare interrogativi da

parte dei bambini che motivano in modo suggestivo l’avvio del percorso coerente con il tema della ricerca .

Sono previste :

- delle ore in orario extrascolastico per le  inss che ricercano, selezionano i materiali d’archivio,

che gestiscono e assemblano gli elaborati realizzati dalle classi  e che realizzano il prodotto

informatico finale

- delle ore per le insegnanti che svolgeranno, in compresenza, il lavoro nelle classi,

al fine di avere la possibilità di articolare gli elaborati prodotti dagli alunni  per realizzare

un prodotto finale unitario.

 

Le insegnanti per cui si prevederà un impegno di  ore  maggiore avranno i seguenti compiti:

 

Sciarroni Franca(*), ins.Plesso Ischia, referente, coordinatrice del progetto:

-          Ricercare  materiali d’archivio, fonti di vario tipo e convertirle in versioni fruibili

(foto e versioni digitali);

-          Elaborare il piano di lavoro sulla base dei documenti ritrovati ed i contenuti divisi in moduli

-          Elaborare il percorso didattico per ogni classe aderente al progetto

-          Trascrivere i manoscritti per renderli leggibili/fruibili dai bambini

-          Preparare singole schede per la lettura dei documenti

-          Presentare/condurre il lavoro nelle classi aderenti al progetto (2 ore per ogni classe)

-          Condurre il lavoro nella propria classe

-          Raccogliere, organizzare ed inserire gli elaborati prodotti da 5 classi nel sito predisposto

-          Curare la produzione dell’elaborato cartaceo da inviare all’Istituto di Storia il 10 maggio

-          Tenere i contatti con l’Istituto di Storia di Ascoli

-          Tenere i contatti con la rete regionale “Le Marche fanno storie”

(*) Si fa presente che l’ins. Sciarroni si è caricata dei suddetti impegni per rispondere nei tempi

utili all’adesione data al concorso dell’ Istituto di Storia della Provincia di Ascoli

Marcuzzi Brunella , ins. Plesso Ascolani, esperta nelle tecnologie digitali utili per documentare

i materiali:

-          Fotografare i documenti utili dell’ archivio scolastico;

-          Condurre il lavoro, previsto dal modulo assegnato, nella propria classe

-          Inserire gli elaborati, prodotti dalla sua classe, nel sito

Tassella Reparata, ins Plesso Speranza:

-          coadiuvatrice per il lavoro di ricerca d’archivio, archivio  comunale e archivio scolastico

del suo plesso.

 

Inoltre:

tutte le insegnanti di ambito, aderenti al progetto, cureranno la produzione degli elaborati

finali dei bambini, relativi al modulo assegnato,  che dovranno far pervenire nei tempi stabiliti

alla coordinatrice affinché li possa inserire nel sito.

 

Percorso:

 

1° Modulo:  Il quadro socio economico a Grottammare  tra la fine del 1800 e l’inizio del 1900

                    (classe 4^ Plesso Ascolani)

 

2° Modulo: Le disposizioni relative alla Scuola dall’  Unità d’Italia al 1913

                  (classe 5^ Plesso Ascolani)

 

3° Modulo: L’acquisto da parte del Comune dell’area per la costruzione della scuola

                   (classe 4^ Plesso Ischia)

 

4° Modulo: L’appalto dei lavori per la costruzione della Scuola Speranza e la riconsegna

                  dei lavori  ultimati

                  (classe 5^ Plesso Ischia)

 

5° Modulo: Lettura dei registri delle classi 1^ 2^ dell’anno scolastico 1912- 1913

 (prime classi che hanno svolto  l’attività scolastica all’interno del nuovo edificio

                  (classi 3e  Plessi Ischia e Ascolani)